Tappezzati!

tappezzeria
R by R
5 settembre 2012

L’espressione comune “fare da tappezzeria” indica una persona che pur partecipando a una festa resta in disparte diventando, appunto, un tutt’uno con la parete e l’arredamento della stanza. Ora, invece, è arrivato il momento di tirare giù la carta da parati e di utilizzarla per tappezzarsi da capo a piedi.

Cappotti, gilet, pantaloni, gonne, abiti, scarpe, borse e sciarpe interamente ricoperte con fantasie eccentriche che traggono ispirazione dai motivi vintage anni Sessanta e Settanta e che, ovviamente, potete trovare su ulaola.

Fantasie floreali hippie chic, disegni geometrici, optical, che si ripetono all’infinito accentuando l’effetto caleidoscopio dei tessuti, preziosi ricami arabescati, damascati e broccati pesanti con preziosi volute barocche, color oro, che richiamano lo sfarzo delle tappezzerie nobiliari.

Colori vibranti e drammatici, nero e viola, blu e verde, senape e oro, che fanno risaltare l’opulenza del morbido velluto e dell’eleganza senza tempo dell’organza. Forti contrasti cromatici e fantasie eccessive, ovviamente vintage o di ispirazione sfacciatamente retrò, che vestono perfettamente una donna eccentrica e non convenzionale che ha come modello Rossella O’Hara… non fu proprio lei a confezionare l’indimenticabile abito verde smeraldo con il tessuto delle tende?

Tags:, ,

Comments

comments

I commenti sono chiusi.